JWOC 2015 – Riccardo sfiora l’impresa nella Middle

E così il grande giorno è arrivato. Un anno è passato da quella storica medaglia d’argento nella Middle dei Mondiali Junior che ha lanciato Riccardo Scalet sulla scena mondiale dell’orienteering e oggi era chiamato a dimostrare che ciò che è successo non è stato un caso. E l’ha fatto alla grande. Le buone sensazioni ci sono state confermate ieri dal coach della nazionale Pierpaolo Corona, il quale ci ha assicurato che l’agevole qualificazione di Riccardo è avvenuta con estremo controllo e senza sforzo.

Il percorso della M20

Il percorso della M20

 

A differenza dello scorso anno, Riccardo ha optato per una partenza più veloce che lo ha tenuto nelle prime posizioni sin dall’inizio della gara. A metà del percorso, il nostro campione si trovava addirittura in seconda posizione! Qui qualche piccolo errorino tecnico assieme probabilmente a un leggero calo fisico dato dal pesantissimo terreno paludoso ha fatto perdere a Riccardo un paio di posizioni e al passaggio all’arena Riccardo navigava tra la 5^ e la 7^ posizione. Proprio la lanterna dopo l’arena gli è stata fatale: quasi tre minuti persi in un solo punto non permettono alcun recupero. Le ultime due tratte ad arrivare all’arrivo sono servite soltanto a recuperare un paio di posizioni.

Alla fine Riccardo sarà 20° a 4’09”, risultato per cui si sarebbe pagato oro solo un anno fa, ma che suona un po’ come una beffa dopo la gara a livelli stratosferici che ci ha fatto rivivere le emozioni provate in Bulgaria.

Il podio maschile

Il podio maschile

Il Campione del Mondo sarà alla fine il finlandese Olli Ojanaho (25’13”), che lo scorso anno guardava dal terzo gradino del podio il nostro Riccardo. Dietro di lui lo svedese Erik Andersson (+14”) e lo svizzero Sven Hellmuller (+1’03”).

Il podio femminile

Il podio femminile

La gara femminile è stata vinta dalla norvegese Anine Ahlsand (26’57”) davanti alla svedese Johanna Oberg (+14”) e alla svizzera Sandrine Mueller (+17”). L’azzurra Eleonora Donadini, unica italiana in finale, si piazza al 50° posto a quasi 10? di distacco.

Domani giorno di riposo, per poi concludere con la gara regina, la Long distance, e successivamente la staffetta.

Conoscendo l’indole di Riccardo, questa delusione si trasformerà in carica e rabbia agonistica per la Long distance di giovedì, specialità che lo ha visto  in 10^ posizione agli scorsi Mondiali Junior.

I commenti sono disabilitati.

Il presente sito fa uso di cookie. Si rinvia all'informativa estesa per maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi